Raimondo
D’Aronco

Raimondo D’Aronco e il fascino dell’architettura Liberty

[1857-1932]

Figlio illustre di Gemona è anche Raimondo Tommaso D’Aronco, architetto considerato tra i maggiori esponenti del Liberty in Italia, che collezionò una carriera di successi prima di spegnersi in Liguria nel 1932.

Nato nella frazione di Godo nel 1857, da Girolamo e Santa Venturini, primogenito di otto figli, fu inviato molto giovane dal padre impresario edile a Graz, in Stiria, dove frequentò una scuola per capomastri.

Studiò poi all’Accademia di Venezia, ottenendo il diploma di architetto che gli permise di intraprendere sia la carriera di professore (all’Accademia di Carrara, poi a Cuneo, Palermo e all’Università di Messina) sia di dedicarsi all’attività di progettuale.

RItratto di Raimondo D'Aronco

D’Aronco diffusore del gusto Liberty in Italia e in Friuli

L’Art Nouveau fu movimento artistico e filosofico tra la fine dell’800 e il primo decennio del 1900, che influenzò le arti figurative, l’architettura e le arti applicate. In Italia prese il nome stile Liberty (o di stile floreale o arte nuova) dal nome del negozio romano di Arthur Lasenby Liberty.

Dopo il successo di Liberty & Co inaugurato a Londra nel 1875, Lasenby si convinse ad aprirne uno a Roma allora meta prediletta per facoltosi americani e inglesi. Cosa vendevano questi negozi? Manufatti dalle linee sinuose e materiali pregiati, tessuti colorati e leggeri, oggetti orientali e orientaleggianti.

Tracce architettoniche di D’Aronco in Friuli

Alcune architetture Liberty realizzate a Udine, facevano parte di eventi e perciò effimere, come i padiglioni per l’Esposizione nazionale di Udine del 1903, mentre altre sono visibili tutt’ora.

Per conoscere la sua creatività in Friuli non si possono perdere il Palazzo Comunale, appunto “Palazzo D’Aronco”, e Palazzo Morpurgo, che custodisce una collezione di migliaia di disegni e progetti.

L’opera principale e più impegnativa realizzata in patria da D’Aronco è proprio il nuovo municipio di Udine, frutto di una complessa progettazione iniziata fin dal 1888 e ultimato solo nel 1930. D’Aronco si ispirò a canoni architettonici più classici che Art Nouveau, come scrisse nella relazione al progetto dove scrive di un edificio «ispirato al Cinquecento e al Seicento per quanto è compatibile con le esigenze dei tempi nostri, con quelle del palazzo e dei materiali da impiegarsi.»

Gli ultimi anni il suo lavoro subì un rallentamento: D’Aronco continuò a progettare, le fantasie Liberty scomparvero lasciando spazio solo a qualche cenno Art Decò (villino Tamburlini, Udine, 1924).

L’incarico più importante nell’ultima fase della sua carriera fu la cattedra di architettura presso l’Istituto di Belle Arti di Napoli, mantenuta dal 1917 al 1929. Si ritirò poi a San Remo, dove trascorse i suoi ultimi anni. Morì nel 1932.
Parte del merito della riscoperta di d’Aronco va attribuito all’architetto italiano Manfredi Nicoletti che scrisse due complete monografie, nel 1955 e nel 1982.

Selezionati per te
cosa vedere

Museo Civico di Palazzo Elti

Percorsi

Passeggiata in centro

Percorsi

Una giornata nel centro storico

Personaggi illustri di Gemona

Ritratto di Valentino Baldissera

Valentino Baldissera

approfondisci
Ritratto di Gino Peressutti

Gino Peressutti

approfondisci
Ritratto di Valentino Ostermann

Valentino Ostermann

approfondisci
Ritratto di Basilio Brollo

Basilio Brollo

approfondisci
Ritratto di Giuseppe Bini

Giuseppe Bini

approfondisci